DECRETO “MILLEPROROGHE” alcune delle novità per il settore delle costruzioni

A seguito di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n.49 del 28 Febbraio 2015, è entrata in vigore la Legge n.11 del 27/02/2015 di conversione e modificazione del Decreto “Milleproroghe” (D.L. n.192 del 31/12/2014). Alcune importanti novità per il settore delle costruzioni sono riportate di seguito: Anticipazione del prezzo contrattuale Una novità molto attesa riguarda l’anticipazione dei prezzo d’appalto, una norma che obbliga le stazioni appaltanti a pagare una parte dell’importo del contratto immediatamente dopo la firma. In pratica si passa all’anticipazione dal 10% al 20% per tutto l’anno 2015 e viene prorogata sino a tutto il 2016 l’anticipazione del 10% Per ulteriori approfondimenti si veda l’art. 8, c. 3 e 3-bis. Al seguente link si riporta un modello tipo per la richiesta di anticipazione. Proroga per le centrali di committenza dei Comuni non capoluoghi di Provincia Ulteriore proroga riguardante la norma sulle centrali di committenza dei Comuni non capoluogo. Il D.L. n. 90/2014 all’art. 23-ter, aveva inizialmente previsto l’obbligo di passare alle centrali di committenza per i servizi e le forniture entro il 1° Gennaio 2015 e per i lavori entro il 1° Luglio 2015. Adesso, con i commi 3-ter e 3-quarter dell’articolo 8, arriva la quinta proroga, che sposta il paletto al 1° Settembre 2015 e lo unifica per lavori, servizi e forniture. Il rinvio, comunque, “non si applica alle procedure già avviate alla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto”. Chi ha già attivato delle gare, in pratica, dovrà comunque passare dalla centrale.

Comments for this post are closed.